Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

L’Interprete

click per ingrandire L202090 aggiungi al carrello
Pedriali, Federica G.
La farmacia degli incurabili
Da Collodi a Calvino, 2006
L’Interprete n. 90
pp. 184, ISBN 9788880635277    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Quattrocento contenitori di maiolica, su scaffali a quattro pareti. Il pieno formale, uno dei tanti possibili, ottenuto ed esibito come ripetizione e contiguità. Oggi nella perfetta rimozione della funzione farmaceutica, perché la Farmacia dell’Ospedale degli incurabili non cura più i suoi clienti. Anche così, però, quattrocento ripetizioni non sono poche. E il tutto – forma, materia, ossia materia formata che non fa né pieno né vuoto né fuga prospettica – è tale da mettere urgenza di salute a qualunque ipocondria. Urgenza che non può essere che d’identità, ma solo nel senso di cosa unicamente identica a se stessa: il perfetto isolamento di cosa affatto contigua! Ecco la salute (il sogno di salute) dell’identità vera – per quanto l’urgenza stessa rischi di ammontare, piuttosto, ad una più complicata malattia.Sette incurabili – tra le migliori cartelle cliniche dell’Otto-Novecento italiano – sono qui chiamati a testimoniare la contraddizione delle proprie rispettive farmacie. Che altro potrebbero fare del resto per questo libro? Smettere di calcolare le vie di fuga? godersi lo stretto e l’indistinzione del proprio posto-turno? Lo scaffale, si sa, vince sempre. A qualcosa però dovrà pur valere la capacità di accelerazione tossica che a certe ore e d’un tratto li trasforma – inerti, di regola, tra colleghi quasi indistinguibili – in formidabili potenze della biochimica. Da Collodi a Calvino dunque, ma con sovversione di molte aspettative, perché qui premeva osservare l’invenzione e la manutenzione della singolarità. Tra vari omaggi al farmaceuta recentemente scomparso – e quindi con numerosi prelievi, anche quelli singolari, di derridina (sostanza da aggiungersi alle già molto inventive annina, nicotina, tiroidina), perché la fine del mondo rimanga, almeno lei, ogni volta unica.