Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

Il carrello è vuoto.

Clicca su
per aggiungere libri

NOVITA

PUOI CONSULTARE ANCHE LE NOVITA' DEI MESI PRECEDENTI

Agosto 2022   

aggiungi al carrello

Lombardo, Luca

Una nota sulla seconda morte di Inferno I, 117.

2021
P. 29-54
Fa parte di Alighieri : 57, 1, 2021

http://digital.casalini.it/10.1400/284105
OPEN ACESS

...vedi scheda


Luglio 2022   

L029053 aggiungi al carrello
Santi, giullari, romanzieri, poeti
Studi per Franco Suitner, 2022
a cura di Giuseppe Crimi - Luca Marcozzi - Anna Pegoretti
Il Portico n. 189
pp. 328, ISBN 978-88-9350-097-5    € 38.00

Contributi di: Veronica Albi, Paola Allegretti, Nicolino Applauso, Luca Badini Confalonieri, Cristina Benussi, Marco Berisso, Francesco Ciabattoni, Ilde Consales, Paola Cosentino, Giuseppe Crimi, Paolo D’Achille, Silvia Finazzi, Luca Fiorentini, Maurizio Fiorilla, Ugo Fracassa, Pietro Gibellini, Claudio Giovanardi, Gaia Gubbini, Luca Marcozzi, Franziska Meier, Mira Mocan, Nevin Özkan, Gabriele Pedullà, Anna Pegoretti, Paolo Procaccioli, Renzo Rabboni, Paolo Rigo, Reinier Speelman, Monica Venturini, Piermario Vescovo, Francesco Zambon, Silvia Zoppi Garampi

Le pagine di questo volume, che interessano autori e generi da san Francesco a Primo Levi, intendono essere un saluto corale e un segno di gratitudine nei confronti di Franco Suitner. Dopo la formazione padovana, Suitner è stato docente a Leida, a Ca’ Foscari e infine a Roma Tre. Un’esperienza di ricerca e insegnamento nutritasi di frequenti scambi e rapporti, che gli ha consentito di maturare una visione ampia e osmotica delle letterature europee, particolarmente attenta al periodo tardomedievale e al contempo aperta alle scritture di autori quali Manzoni e Gadda.
I saggi qui raccolti, offerti da amici e colleghi, ambiscono a rispecchiare l’orizzonte cangiante e complesso degli interessi del festeggiato e la sua capacità di riunire voci apparentemente diverse e lontane.



Giugno 2022   

L021117 aggiungi al carrello
Erste, Marijan - Fanti, Giovanni - Pattavino, Dalila
Sergio Belacchi, 2022
Arte e cataloghi
pp. 72, ill. a colori, ISBN 978-88-9350-101-9    € 15.00

Catalogo della Mostra MOSAICI E ARCHEOMOSAICI
15 - 27 giugno 2022, Palazzo Bracci Pagani, Fano PU



Maggio 2022   

L029054 aggiungi al carrello
Samarini, Francesco
Philip Roth e l'Italia
Storia di un amore incostante, 2022
Il Portico n. 190
pp. 344, ISBN 978-88-9350-100-2    € 28.00

Questo volume nasce da una constatazione: Philip Roth (1933-2018), universalmente riconosciuto come una delle voci fondamentali della letteratura americana, sembra essere più noto (e più ammirato) in Italia che negli Stati Uniti. Da qui, alcune domande. Come e perché si è arrivati a questa situazione? Le cose sono sempre state così? Quali sono gli aspetti peculiari della ricezione italiana di Roth? Per affrontare un argomento tanto vasto, si è scelto di prendere in considerazione diversi aspetti: la presenza dello scrittore nel mercato editoriale, i suoi rapporti diretti e indiretti con la letteratura italiana, le sue conoscenze nella Penisola, le scelte dei traduttori dei suoi libri, le reazioni del pubblico e della critica, la rappresentazione del Bel Paese nei suoi romanzi (e l’elenco potrebbe continuare). Sulla base dell’analisi di una grande mole di documenti – lettere inedite, saggi accademici, articoli giornalistici, recensioni, interviste, opere letterarie di vario genere – Philip Roth e l’Italia. Storia di un amore incostante intende fornire alcune linee interpretative e, al contempo, aprire il campo a ulteriori ricerche. Oltre ad approfondire la conoscenza di una figura centrale della cultura contemporanea, lo studio della sua relazione con l’Italia diviene un modo per esaminare, di riflesso, l’evoluzione, le tendenze e le contraddizioni della cultura italiana degli ultimi 60 anni.



Aprile 2022   

L007004 aggiungi al carrello
Aggiornamenti sulla Commedia vol. II, 2022
a cura di Valeria Giannantonio - Antonio Sorella
Lectura Dantis Teatina
pp. 112, ISBN 978-88-9350-086-9    € 18.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Premessa - Letture: Alberto Casadei, I canti fiorentini del poema: solo una leggenda? - Massimiliano Corrado, Dante Novissimus Adam. Lettura del canto XXVI del Paradiso - Marco Veglia, Brunetto Latini fra i violenti contro Dio - Veronica Gobbato, «Lezione Accademica» di Bartolomeo Sorio dalle carte della Biblioteca Civica di Verona - Michele Rinaldi, Contra negantes: nuove prospettive per l’autenticità della Questio de aqua et terra



L001176 aggiungi al carrello
Gaimari, Giulia
Per amore di giustizia
Dante fra diritto, politica e teologia, 2022
Memoria del Tempo n. 76
pp. 226, ISBN 978-88-9350-095-1    € 24.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

La giustizia, nell’opera di Dante, è un tema capitale e al contempo sfuggente.
La pluralità degli ambiti a cui afferisce – etica, diritto, politica,
teologia e autobiografia – ne acuisce la straordinaria complessità. Lungi
dal volere offrire un quadro esaustivo, questo volume getta luce su alcuni
degli aspetti chiave della riflessione dantesca in merito alla questione
della giustizia tenendo conto tanto delle idee che circolavano
nella Firenze tardo duecentesca e delle dinamiche politiche e culturali
che la animavano, quanto delle ambizioni didattiche dell’Alighieri e
delle strategie letterarie che egli adotta per perseguire i propri obiettivi,
sia prima che dopo l’esilio. Virtù che attribuisce a ciascuno il suo, e che
necessita di conoscenza, consapevolezza e amore, la giustizia regola la
vita in comune e determina la salvezza eterna dei singoli, configurandosi
come un punto di contatto fondamentale fra l’essere umano, il suo prossimo
e Dio.



L001175 aggiungi al carrello
Scalabrini, Massimo
Commedia e civiltà
Dinamiche anticonflittuali nella letteratura italiana del Cinquecento, 2022
Memoria del Tempo n. 75
pp. 142, ISBN 978-88-9350-094-4    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

I valori retorici ed etici, ereditati dall’Antichità greco-latina, della conversazione, del decoro e della moderazione diventarono nel Classicismo letterario cinquecentesco (nei generi canonici della trattatistica sul comportamento, del poema epico-romanzesco e della commedia erudita) strumenti di prevenzione, contenimento e soluzione del conflitto. L’oggetto di questo volume non è il comico che contesta e mette in questione, che scompone e distrugge misure e valori costituiti, ma quello che, senza rinunciare all’istanza critica e dissacratoria, mira invece a ricucire il tessuto sociale e culturale: non, dunque, un comico anarchico o rivoluzionario, ma moderato e moderante, affermativo e non negativo, indulgente e non aggressivo, sempre propiziatore di conciliazione e spesso di lieto fine.



Marzo 2022   

L017020 aggiungi al carrello
Guberti, Pietro
I pinaroli, 1982
Storia, costume e letteratura romagnoli
pp. 136, ill. bn    € 18.00
...vedi scheda


L040058 aggiungi al carrello
L'Alighieri 58
Rassegna dantesca, 2022
L'Alighieri. Diretta da Stefano Carrai, Giuseppe Ledda e Tiziano Zanato n. 58
pp. 176, ill. bn, ISBN 978-88-9350-091-3    € 25.00

SAGGI: Alessandra Mantovani, «Trattando l’ombre come cosa salda» (Purg. XXI, 136). Nostalgia del corpo e abbracci mancati negli incontri con i maestri tra Inferno e Purgatorio - Giuseppe Noto, Provenzalismo e catalanismo in Dante: sui personaggi di Manfredi e di Federico di Sicilia nella Commedia - Paolo Rigo, «E non con Saracin né con Giudei». Di Dante, di Guido da Montefeltro e dei Colonna (e del Memoriale del cardinale Pietro) - Marialaura Aghelu, La profezia disvelata. Il veltro nel secolo senza poesia. LETTURE: Francesca Battera, Dante, Inferno XXVI: Ulisse secondo Orazio e Seneca. NOTE: Claudia Villa, «Transtiberine!» (Dante, Ep. XI) - Andrea Romei, Folchetto e l’eccellenza d’amore (Paradiso IX, 97-102) - Francesco Grotto, La decadenza della musica e i mores di Firenze: uno schema oraziano (Ars 202-19) in Dante, Par. XV e XVI? - Alessandra Forte, Le chiose alla Commedia Madrid, Biblioteca Nacional De España, Ms. 10057: identificazione e prime ipotesi - Matthew Timothy Collins, Questions Regarding the Attribution of the Morgan Dante Drawings. RECENSIONI



L029052 aggiungi al carrello
Di Fonzo, Claudia
Scale e tribunali dell'aldilà
Saggi di cultura medievale intorno a Dante, 2022
Il Portico n. 188
pp. 192, ISBN 978-88-9350-083-8    € 24.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Il volume indaga alcuni dei più celebri motivi dell’immaginario medievale che, disseminati tra i racconti di viaggio e di visioni dell’aldilà, tra le leggende e le cronache medievali, percorrono in modo significativo la poesia e la prosa dantesca. Tali motivi danno forma alla riflessione teologica, filosofica e giuridica del poeta e fioriscono nella sua poesia volgare. La Commedia, con il suo pluristilismo e plurilinguismo, è un collettore straordinario delle riflessioni dottrinali, delle tradizioni letterarie antiche e medievali, e di quei simboli che riplasmati dal genio del poeta illustrano la nascita e lo sviluppo dell’Europa medievale e delle sue letterature. Scale, tribunali e regni oltremondani sono l’espediente letterario per contemplare l’invisibile, giudicare il visibile e rappresentare l’inenarrabile. Radicata nella tradizione ma tesa verso l’oltre, la poesia della Commedia è una scala a Dio e un tribunale per gli uomini.



L010058    ESAURITO
Ghiberti, Giorgio
Da Eliot: i "Quattro quartetti" e altre poesie
"Four Quartets", "Preludes", "Observations" e tre poesie del periodo della Grande Guerra
Nuove traduzioni, con testi originali a fronte, saggi, note e commenti, 2022
Longo narrativa
pp. 160, ill. bn, ISBN 978-88-9350-098-2    € 30.00

T. S. Eliot ha segnato la letteratura europea e americana nel capitale cinquantennio che lega il primo anteguerra al secondo dopoguerra, e non cessa di richiamare su di sé nuovi lettori e nuovi studi, che anche qui in Italia hanno un’importante tradizione.
Nel suo secondo e definitivo capolavoro, i Quattro quartetti, Eliot ci propone una strenua meditazione sulla posizione dell’Uomo sulla Terra, su quella terra devastata così crudamente descritta nell’altro suo primo, complesso poema in cinque atti (The Waste Land, uscito cent’anni fa esatti, da poco consumatasi la tragedia della prima Grande Guerra), e sulla sua posizione nel Tempo, il quale a volte ci appare circolare e ricco degli echi del passato, a volte lineare e teso alla perdizione o alla salvezza.
Composti in quattro tempi distinti, a partire dalla fine del 1935 (quando si preparava, fra la drammatica impotenza o la colpevole indifferenza di tanti, la seconda Grande Guerra), sino al settembre del ’42, nell’Inghilterra sconvolta dalle bombe, e pubblicati via via in singoli volumetti, i Quattro quartetti apparvero riuniti in un solo volume nel 1943. Qui se ne presenta una traduzione, annotata e commentata, che pur nei doverosi limiti della massima fedeltà all’originale, cerca di riportarne sulla pagina italiana anche l’intonazione e le modulazioni.
Se i Quartetti sono l’opera della piena maturità del poeta, Eliot è grande sin dagli esordi, che in questo volume vengono rappresentati da testi che egli compose poco più che ventenne, i primi, e poi trentenne, gli ultimi.



L021116 aggiungi al carrello
Masi, Francesca
Cantando come donna innamorata, 2022
Arte e cataloghi
pp. 64, ill. col., ISBN 978-88-9350-096-8    € 10.00

La Commedia è un pretesto. Cioè una scrittura che viene prima, distante per lingua, pensiero, credenza, ma impastata di futuro, un immenso giacimento di storie che dicono di noi. Quanto in femina foco d'amor e Le Divine donne di Dante sono scritture per la scena che percorrono itinerari possibili, grazie alla fecondità di una poesia lontana, temuta a volte, appiattita spesso, che sa essere smisurata, traboccante, eccelsa. Donne d'Inferno, da Francesca a Manto, di Purgatorio, da Pia a Matelda, di Paradiso, da Piccarda ad Anna, incardinate in un oltre che altro non è che il coraggio di porre domande, di abitare ogni unicità, di camminare un passo dopo l'altro, dall'abisso al più alto dei cieli.



L021114 aggiungi al carrello
Szczepaniak, Pawel
L'arcivescovo Antonio Codronchi
Beni ecclesiastici e politiche culturali a Ravenna tra Settecento e Ottocento, 2022
Arte e cataloghi
pp. 992, ill. col. e bn, ISBN 978-88-9350-093-7    € 60.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Nel mettere a fuoco la politica culturale dell’imolese Antonio Codronchi (1748-1826), che fu arcivescovo di Ravenna tra il 1785 e il 1826, don Pawel Szczepaniak ci consegna uno studio attento e circostanziato, supportato da una ragguardevole ricerca d’archivio che gli permette di indagare l’attività del prelato negli ambiti della tutela del patrimonio artistico ravennate e come mecenate di imprese decorative di rilievo nel Duomo cittadino e nel Palazzo Arcivescovile.
Dopo aver tracciato una introduzione di carattere storico in grado di ricostruire, attraverso le cronache del tempo e la bibliografia specialistica, le drammatiche vicende legate all’arrivo dell’esercito francese in città nel 1796, il testo si sofferma sulla biografia del prelato, dalla sua elezione ad arcivescovo di Ravenna fino alle iniziative che ebbe modo di promuovere dopo il suo arrivo in città.
Uno snodo storico critico di grande interesse è rappresentato dal rapporto, assai discusso dalla storiografia, con Napoleone Bonaparte, che viene qui riesaminato alla luce di un carteggio, in gran parte inedito, che don Pawel ha rinvenuto nell’Archivio privato della famiglia Pasolini Dall’Onda, erede del patrimonio Codronchi. L’attenta rilettura di questo scambio epistolare è stata l’occasione per mettere a fuoco le azioni operate da Codronchi, teologo di spessore e politico lungimirante, in difesa della città e per la tutela del suo patrimonio ecclesiastico, avvenimenti di molto rilievo che smentiscono le accuse più o meno velate di parte della storiografia tradizionale che lo ha ritenuto una pedina nella politica di saccheggio dei francesi.
Accanto al carteggio fra Codronchi e Napoleone, il cuore del lavoro è rappresentato da un gran numero di testimonianze d’archivio inedite che si sono rivelate di estremo interesse per mettere a fuoco la storia artistica di Ravenna a cavallo tra Sette e Ottocento. (Barbara Ghelfi)



Febbraio 2022   

L021115 aggiungi al carrello
G. Ruffini. La traccia che resta
Disegni 1953-2005, 2021
a cura di Annamaria Bernucci
Arte e cataloghi
pp. 80, ill. a colori, ISBN 978-88-9350-092-0    € 15.00