Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

Il carrello è vuoto.

Clicca su
per aggiungere libri

NOVITA

PUOI CONSULTARE ANCHE LE NOVITA' DEI MESI PRECEDENTI

Novembre 2022   

L016142 aggiungi al carrello
Mattarelli, Sauro - Spadoni, Nevio
Passioni e ideali
Ricordando personaggi delle "Ville Unite", 2022
Storia
pp. 128, ISBN 978-88-9350-110-1    € 14.00

Sul filo dei ricordi condivisi gli autori raccontano dei loro incontri, diretti o indiretti, con personaggi conosciuti e ora scomparsi che hanno vissuto in quel complesso e variegato mondo romagnolo rappresentato dal circondario delle Ville Unite, l’enclave ravennate situata ai confini con i comuni di Cesena e Forlì. Alcuni testi sono rielaborazioni di articoli apparsi su giornali o riviste, stilati come memorie personali, testimonianze, biografie aneddotiche. Non un quadro esaustivo, ma una incursione in un mondo ove ogni famiglia ha una storia che si intreccia talvolta con la “grande storia” o che si perde nella notte dei tempi.
I personaggi sono stati individuati con nome e cognome e, in certi casi, anche col soprannome, della casata. A questo proposito, dopo aver constatato che quasi tutte le persone di questo territorio sono etichettate con un appellativo, con l’aiuto di Danilo Spadoni e Gian Franco Spadoni è stato abbozzato, in appendice, un elenco alfabetico di alcuni nomignoli e soprannomi, non esaustivo, ma a titolo dimostrativo di una pittoresca usanza diffusa e connotante.



L008067 aggiungi al carrello
Letture Classensi 50
Dante oltre il centenario. Nuove prospettive per gli studi danteschi internazionali, 2022
a cura di Giuseppe Ledda
Letture Classensi n. 50
pp. 136, ISBN 978-88-9350-104-0    € 20.00

Heather Webb, Culture visive e teorie degli affetti nella lettura di Dante - Giuseppe Ledda, Contesti, dialoghi, forme: per lo studio della poesia di Dante - Justin Steinberg, Dante e la teologia politica - Paola Nasti, Ri-teologizzare Dante? Percorsi e prospettive per Dante e la cultura del suo tempo - 700° Annuale della Morte di Dante: card. Gianfranco Ravasi, «Come l’uom s’etterna»: la teologia di Dante



Ottobre 2022   

L029055 aggiungi al carrello
Dante, l'Umbria e i santi
Atti delle giornate di studio di Foligno e Assisi (13-16 aprile 2021), 2022
a cura di Cristiana Brunelli
Il Portico n. 191
pp. 176, ill. col. e bn, ISBN 978-88-9350-103-3    € 24.00

Premessa di Alberto Casadei - Giuseppe Indizio, Dante in Umbria: frammenti della biografia e della prima fortuna dantesca - Marco Berisso, La poesia volgare in Umbria al tempo (e nel segno) di Dante - Laura Pasquini, Dante, l’Umbria e le arti - Donato Pirovano, «Amor mi mosse, che mi fa parlare». Beatrice traVita nuovaeCommedia - Erminia Ardissino, Carità e luce. L’essenza della santità nel Paradiso - Francesco Santi, Conoscere mediante il tatto nel Paradiso di Dante. Il canto della resurrezione (Paradiso XIV) nella tradizione francescana - Nicolò Mineo, Le condanne in Paradiso: Matteo d’Acquasparta - Andrea Improta, La Commedia dei Trinci di Foligno e la fortuna dell’illustrazione dantesca in Umbria nel Trecento - Natale Vacalebre, Grandi speranze, tempi difficili. La Commedia di Foligno, le sue origini e i suoi primi lettori. Appendice: Alessandro Zaccuri, Joyce, Eliot, Pound: tre modi di essere Dante

Nel corso del 2021, settimo centenario della morte di Dante Alighieri, numerose città e regioni d’Italia si sono impegnate in celebrazioni specifiche, per ripercorrere le tante testimonianze pervenuteci seguendo nuovi metodi critici o per proporre nuove riflessioni e nuovi documenti. Così è stato fatto anche a Foligno e Assisi in una serie di incontri tenutisi fra il 13 e il 16 aprile. I contributi, che hanno avuto come tema generale Dante, l’Umbria e la santità, hanno coniugato l’analisi puntuale di passi della Divina commedia dedicati ad aspetti della santità, in particolare francescana, con ampi panorami storico-biografici, letterari e artistici. Uno spazio speciale è stato riservato alla trasmissione dei testi danteschi, avvenuta mediante preziosi manoscritti o attraverso la celeberrima princeps fulignate del poema sacro.



L001178 aggiungi al carrello
Ferrilli, Sara
"Per raggio di stella"
Cecco d'Ascoli e la cultura volgare tra Due e Trecento
Il libro è anche scaricabile in accesso aperto: https://oa.torrossa.com/en/publishers/longo.html, 2022
Memoria del Tempo n. 78
pp. 400, ISBN 978-88-9350-106-4    € 24.00

«Virtù s’acquista per raggio di stella»: con questo verso, dal tono gnomico, Cecco d’Ascoli condensa nel secondo libro dell’Acerba la sua definizione della virtù, individuando nella favorevole disposizione astrale le prerogative dei diversi temperamenti umani. Esso simboleggia una riflessione che investe tanto l’attività accademica dello Stabili, quanto la sua opera letteraria, e che racchiude le molteplici chiavi di lettura a cui la sua produzione può essere sottoposta. Con l’Acerba Cecco intende fornire una summa del sapere enciclopedico del Trecento ed espandere il proprio pubblico, prettamente universitario, mediante l’uso del volgare. Oltre all’astronomia e all’astrologia, ambiti prediletti dall’autore, vi si trovano infatti questioni morali, problemi medici e dottrinali, nonché una complessa e a tratti contraddittoria riflessione politica sull’Italia del primo Trecento. Il dialogo con accademici e letterati è uno snodo fondamentale dell’esposizione ed esso delinea al contempo un panorama intellettuale variegato, soprattutto a Bologna, in cui Cecco rivestì un ruolo di primo piano. È proprio dall’approccio dialettico, suggerito dallo stesso autore, che questo libro intende partire per tracciare la biografia di un personaggio da subito divenuto leggendario, ed esplorare i grandi temi che emergono dalla lettura delle sue opere. Oltre all’ombra imponente di Dante, fondamentale contrappunto stilistico e filosofico, spiccano infatti le menzioni di Cavalcanti, Cino da Pistoia, Dino del Garbo, così come le spie testuali che aiutano a ricostruire la biblioteca stabiliana. Ne consegue che nella produzione di Cecco non c’è solo l’impronta dell’eretico perseguitato, del negromante o del feroce contestatore di Dante, ma soprattutto quella del poeta-docente, che rilegge il suo tempo attraverso la lente del determinismo astrologico e difende caparbiamente la propria categoria professionale.



Settembre 2022   

L001177 aggiungi al carrello
Il caso di Menghino Mezzani tra Dante e la Romagna, 2022
a cura di Luca Azzetta - Marco Petoletti
Memoria del Tempo n. 77
pp. 172, 4 ill. a colori, ISBN 978-88-9350-105-7    € 22.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Custode della memoria di Dante in area romagnola, fu Domenico di Ugolino Mezzani, comunemente conosciuto come Menghino, nato nell’ultimo quarto del sec. XIII e morto nell’agosto 1376. La sua famiglia, originaria di Mezzano (a nord di Ravenna), si era poi stabilita a Pezzolo presso Russi. Coluccio Salutati, in una lettera del 2 ottobre 1399 al cancelliere Niccolò da Tuderano, ricorda come egli fosse «familiaris et socius Dantis nostri». In quest’epistola Coluccio, che desiderava avere un esemplare corretto della Commedia, «opus divinissimum», per far fronte a quella molesta corruzione che ha invaso tutti i libri, scrive di aver sentito che Menghino era considerato un esperto del poema sacro.
Il Mezzani, a quanto pare, dedicò a Dante un epitaffio di sei esametri ritmici: «Inclita fama cuius universum penetrat orbem» (Dante ‘la cui inclita fama penetra per tutto l’universo’). Il suo nome è stato accostato a un manoscritto del sec. XIV, datato 1363, che dopo essere transitato per la collezione di Thomas Phillipps (con segnatura 8881), è ora ad Austin, University of Texas, Chronicle Library, H.R.C. 45. Il testo del poema è preceduto da sommari in terza rima (per Inferno e Purgatorio) e accompagnato da glosse esegetiche in latino per gran parte dell’Inferno e per qualche canto del Purgatorio. Sebbene la ricerca abbia dimostrato che questo manoscritto non possa essere considerato autografo di Menghino e dunque occorra rinunciare a identificarlo con il volume ricercato da Coluccio, l’apparato esegetico di questo codice (collocabile in area romagnola) riveste particolare interesse nell’ambito della fortuna di Dante nel sec. XIV. Di grande valore, al di là dei risultati letterari conseguiti, sono i sommari in terza rima per le prime due cantiche, qui editi criticamente, che, se non sono attribuibili a Menghino, a lui, studioso di Dante, furono tuttavia indirizzati.



L040059 aggiungi al carrello
L'Alighieri 59
Rassegna dantesca, 2022
L'Alighieri. Diretta da Stefano Carrai, Giuseppe Ledda e Tiziano Zanato n. 59
pp. 160, ISBN 978-88-9350-102-6    € 25.00

SAGGI: Emanuele Riu, "Sì si conserva il seme d'ogne giusto". Redenzione, grazia e natura nell'Eden - Giulia Depoli, La presenza di Alano da Lilla negli antichi commenti alla Commedia. LECTURAE: Ester Pietrobon, Umiltà, paradosso e virtus unifica in Pier Damiano (Par. XXI) - Giulio Cura Curà, "E tanta grazia sopra me relusse". Il canto di san Benedetto - Andrea Torre, Dottrina come poesia. Una lettura di Paradiso XXIV. NOTE: Gianluca Caccialupi, Dante tra crux transmarina e crux cismarina: l'idea di crociata nella Commedia - Nicol Fantappiè, Profetismo, pellegrinaggio e crociata nella Commedia. RECENSIONI



Agosto 2022   

aggiungi al carrello

Lombardo, Luca

Una nota sulla seconda morte di Inferno I, 117.

2021
P. 29-54
Fa parte di Alighieri : 57, 1, 2021

http://digital.casalini.it/10.1400/284105
OPEN ACESS

...vedi scheda


Luglio 2022   

L029053 aggiungi al carrello
Santi, giullari, romanzieri, poeti
Studi per Franco Suitner, 2022
a cura di Giuseppe Crimi - Luca Marcozzi - Anna Pegoretti
Il Portico n. 189
pp. 328, ISBN 978-88-9350-097-5    € 38.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Contributi di: Veronica Albi, Paola Allegretti, Nicolino Applauso, Luca Badini Confalonieri, Cristina Benussi, Marco Berisso, Francesco Ciabattoni, Ilde Consales, Paola Cosentino, Giuseppe Crimi, Paolo D’Achille, Silvia Finazzi, Luca Fiorentini, Maurizio Fiorilla, Ugo Fracassa, Pietro Gibellini, Claudio Giovanardi, Gaia Gubbini, Luca Marcozzi, Franziska Meier, Mira Mocan, Nevin Özkan, Gabriele Pedullà, Anna Pegoretti, Paolo Procaccioli, Renzo Rabboni, Paolo Rigo, Reinier Speelman, Monica Venturini, Piermario Vescovo, Francesco Zambon, Silvia Zoppi Garampi

Le pagine di questo volume, che interessano autori e generi da san Francesco a Primo Levi, intendono essere un saluto corale e un segno di gratitudine nei confronti di Franco Suitner. Dopo la formazione padovana, Suitner è stato docente a Leida, a Ca’ Foscari e infine a Roma Tre. Un’esperienza di ricerca e insegnamento nutritasi di frequenti scambi e rapporti, che gli ha consentito di maturare una visione ampia e osmotica delle letterature europee, particolarmente attenta al periodo tardomedievale e al contempo aperta alle scritture di autori quali Manzoni e Gadda.
I saggi qui raccolti, offerti da amici e colleghi, ambiscono a rispecchiare l’orizzonte cangiante e complesso degli interessi del festeggiato e la sua capacità di riunire voci apparentemente diverse e lontane.



Giugno 2022   

L021117 aggiungi al carrello
Erste, Marijan - Fanti, Giovanni - Pattavino, Dalila
Sergio Belacchi, 2022
Arte e cataloghi
pp. 72, ill. a colori, ISBN 978-88-9350-101-9    € 15.00

Catalogo della Mostra MOSAICI E ARCHEOMOSAICI
15 - 27 giugno 2022, Palazzo Bracci Pagani, Fano PU