Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

Il carrello è vuoto.

Clicca su
per aggiungere libri

NOVITA

PUOI CONSULTARE ANCHE LE NOVITA' DEI MESI PRECEDENTI

Maggio 2024   

L021125 aggiungi al carrello
Alberto Salietti pittore, 2024
a cura di Claudio Castellini - Paolo Trioschi
Arte e cataloghi
pp. 104, ill. a colori, ISBN 9788893501422    € 20.00

Alberto Salietti nasce a Ravenna il 15 marzo 1892 e si spegne a Chiavari il 19 settembre 1961. Nel 1919 inizia a partecipare alle mostre del vivace ambiente artistico milanese e l'anno dopo sarà invitato alla XII Biennale d'arte di Venezia, cui parteciperà per ben 14 volte.
Nel 1924 aderisce al moviment artistico Novecento guidato da Margherita Sarfatti e nel 1927 è tra i fondatori del Gruppo dei sette pittori moderni con Sironi, Carrà, Tosi, Funi, Marussig e Bernasconi. E' artista attivissimo come pittore murale, incisore, disegnatore, mosaicista.
Della vasta produzione dell'artista, vengono proposti in mostra oltre 50 dipinti, molti dei quali mai esposti prima, che rappresentano sinteticamente le costanti della sua ricerca: figura, paesaggio, natura morta.



L001185 aggiungi al carrello
Chisena, Anna Gabriella
Le "prime" stelle di Dante: astronomia e astrologia fra Vita Nova e Convivio, 2024
Memoria del Tempo n. 85
pp. 312, ISBN 978-88-9350-132-3    € 28.00

La vita e l’opera di Dante sono contrassegnate dal movimento dei cieli e dal bagliore delle stelle. L’astronomia è pertanto il sapere che permette al poeta di orientarsi nella propria esperienza, biografica e letteraria. Il moto ciclico e perfetto del cosmo, mosso da Dio-Amore, scandisce i momenti più importanti di tale cammino. Inaugurato all’inizio della Vita Nova, attraverso la descrizione dei ‘giri’ dei cieli che segnano la nascita e l’incontro di Dante e Beatrice, il percorso si chiude alla fine della Commedia con «il sole e l’altre stelle». La scienza astrale, che gode nel Medioevo di uno statuto epistemologico differente da quello attuale, costituisce un sapere tecnico la cui padronanza richiede una lunga dedizione, come dimostrano le digressioni astronomiche che strutturano il Convivio.
Questo libro intende mostrare in che modo la scientia astrorum poté strutturare la visione poetica e filosofica dell’Alighieri durante il periodo di formazione fiorentina e i primi anni di esilio. Il focus è pertanto posto sulle due opere più importanti prodotte in tale arco cronologico, la Vita Nova e il Convivio. L’esame dei passaggi ‘celesti’ dei due scritti è tuttavia preceduto dalla ricostruzione dei contesti culturali in cui essi vennero elaborati. Il volume presenta, per la prima volta, i dati relativi alla diffusione scritta e orale delle idee, delle dottrine e degli scritti di tema astronomico e cosmologico circolanti a Firenze e a Bologna tra la seconda metà del Duecento e i primi decenni del Trecento, in latino e in volgare. Esso intende così fornire un panorama aggiornato dei «vocabuli d’autori e di scienze e di libri» che sostentarono la peculiare visione del cosmo di Dante, in cui il sapere scientifico si fonde con i principi della dottrina cristiana.



Marzo 2024   

L040062 aggiungi al carrello
L'Alighieri 62
Rassegna dantesca, 2023
L'Alighieri. Diretta da Stefano Carrai, Giuseppe Ledda e Tiziano Zanato n. 62
pp. 168, ill. bn, ISBN 978-88-9350-124-8    € 25.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


SAGGI: Marina Zanobi, «Frequenter enim variant fabulas poetae»: la catabasi di Teseo nella Commedia e nell’antica esegesi dantesca - Carlo Danelon, Dante nella selva dei Proverbi: una filigrana biblica nell’incipit della Commedia - Pietro Ruggeri, Le immagini nautiche in funzione di metafore testuali nella Commedia. LECTURAE: Roberto Galbiati, «Ecc’un deli anzïan’ di Santa Zita!»: Dante tra i barattieri. NOTE: Alessandra Forte, Miniature come glosse. I centauri nell’esegesi e nelle antiche carte miniate della Commedia - Camilla Canonico, «Sulla dimostrazione della sferica forma della terra e dell’acqua»: il Dottrinale di Iacopo Alighieri e la Questio de aqua et terra - Ariel Ragaiolo, San Paolo fra Dante e Pasolini. RECENSIONI.



Febbraio 2024   

L001183 aggiungi al carrello
Bonvesin da la Riva
Tradizioni di lingua, di poesia e di cultura, 2024
a cura di Lisa Struckl - Raymund Wilhelm
Memoria del Tempo n. 83
pp. 216, ISBN 978-88-9350-128-6    € 24.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Raymund Wilhelm, Narratore, retore e visionario. Nuovi studi su Bonvesin da la Riva ● Elisa De Roberto, Bastass ke, per mor de, in log ke… Stadi di grammaticalizzazione nel milanese di Bonvesin: dalle perifrasi alle congiunzioni ● Carolina Venco, Dopo Bonvesin. Lessico e formule narrative in un leggendario agiografico lombardo (Angelica 2235) ● Roberto Tagliani, «Lavar le man, po’ bever»: lessico della quotidianità e della convenientia tra Bonvesin e dintorni ● Lisa Struckl, Il rifacimento lombardo delle Cinquanta cortesie bonvesiniane. Dinamiche discorsive fra verso e prosa. Con l’edizione del testimone bergamasco MA 465 ● Raymund Wilhelm, Per una nuova edizione della Scrigiura rossa. Con un’ipotesi sulla genesi del Libro delle tre scritture ● Giuseppe Mascherpa, Appunti sull’impiego dei digrammi ‹dh› e ‹th› negli antichi volgari settentrionali, con un approfondimento bonvesiniano ● Anna Soma, Bonvesin e la scuola. Sull’uso didattico dei testi del maestro milanese tra Medioevo e Rinascimento ● Matteo Leonardi, Omnia in mensura et numero. Etica della “concordanza” e retorica dell’ordine nell’opera di Bonvesin da la Riva.

Fra i più importanti e prolifici poeti duecenteschi, Bonvesin da la Riva non ha ancora ricevuto negli studi l’approfondimento che meritano la complessità della sua opera e la sua rilevanza storico-linguistica e letteraria. Bonvesin ha lasciato una vasta opera di poesie religiose e didattiche di altissimo valore. Con i suoi componimenti in volgare l’autore contribuisce in modo decisivo ad elaborare la scripta letteraria milanese. Bonvesin è anche un intellettuale attento all’attualità politica e sociale che lo circonda: è noto il suo impegno come doctor gramatice o maestro di scuola; come frate del terz’ordine degli Umiliati egli si dedica ad opere di carità, sostenendo in particolare gli ospedali di Legnano e di Milano. Quindici anni dopo l’incontro di Heidelberg, documentato in Bonvesin da la Riva. Poesia, lingua e storia a Milano nel tardo Medioevo a cura di R. Wilhelm e St. Dörr (Heidelberg, Winter, 2009), il convegno «Bonvesin da la Riva: tradizioni di lingua, di poesia e di cultura», tenutosi a Klagenfurt nel novembre del 2021, ha voluto proporre una nuova sintesi sull’opera del poeta milanese. I risultati ora raccolti in volume riuniscono tanto presentazioni di progetti in corso, quanto ricerche puntuali su aspetti centrali della produzione bonvesiniana. Si profila così la personalità di un intellettuale engagé, tanto poliedrica quanto inafferrabile, che, di là dall’immagine canonizzata di una «figura ambrosianamente pia e borghese» (Contini), potrebbe rivelare inattesi caratteri di originalità.



aggiungi al carrello
Ravenna studi e ricerche vol. XXIX, 2022, 2023
Ravenna studi e ricerche n. 29
pp. 356, ill. col. e bn, ISBN 978-88-9350-129-3    € 30.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Maria Cristina Carile, Presentazione - Angelo Bellettini, S. Apollinare in Classe 1229-1234 Le malefatte dell’abate Filippo e la lite tra l’arcivescovo di Ravenna e l’ordine Camaldolese: la vicenda e i documenti - Elisa Emaldi, Sarcofagi-reliquiari bizantini a Ravenna: un esemplare inedito del Museo Nazionale - Antonio Zaccaria, Il castello e i nobili di Orsarola - Francesco Pertegato e Vanni Geminiani (con la collaborazione di Daniele Alberti), Villa Ghedini a Chiavica di Legno (1838-1841). Nabruzzi in Campagna come Morigia a Ravenna - Costanza Fabbri, Il Duomo di Ravenna nella Sacra Visita del 1605: altari, titoli e immagini - Silvia Fanti, Un intervento decorativo dei fratelli Liverani a Ravenna - Giorgio Ghiberti, Ravenna di Oscar Wilde - Francesco Mele, Cafiero Tuti (1907-1958 ): un toscano all’Accademia di Ravenna. Nuova luce sul percorso di un’artista dimenticato - Atti del convegno su Rinaldo da Concorezzo (5-6 novembre 2021, Ravenna, Duomo - Basilica di San Francesco): Raffaele Savigni, L’attività pastorale di Rainaldo da Concorezzo e la sua memoria agiografica - Maria Cristina Carile - Elisa Tosi Brandi, Le ultime vesti di Rinaldo da Concorezzo. Un raro e prezioso corredo liturgico dei secoli XIII-XIV - Giorgio Gruppioni - Maurizio Alberani - Mauro Marabini, Il beato Rinaldo da Concorezzo arcivescovo di Ravenna (1303-1321): storia delle sue spoglie e progetto per una ricognizione scientifica e conservativa delle reliquie -Maurizio Alberani, L’Arcivescovo Rinaldo e il francescanesimo - In memoriam: Enrico Angiolini, Ricordo di Giuseppe Rabotti - Sauro Mattarelli, Ricordo di Giovanna Bosi Maramotti - Raffaele Savigni, Ricordo di Alba Maria Orselli



Dicembre 2023   

aggiungi al carrello
G.A.E.M. Sesto premio internazionale Giovani Artisti e Mosaico, 2023
a cura di Sabina Ghinassi - Paolo Trioschi
Arte e cataloghi
pp. 92, ill. a colori, ISBN 978-88-9350-137-8    € 15.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Mostra collettiva_Premio Orsoni Venezia 1888 e Premio Nicola Cingoli
Giorgia Baroncelli • Lorenzo Baruzzi • Matteo Brigo • Irene Cesaro • Eliana Conte • Andreina Cristino • Elisa D’Amico • Andrea Di Giovenale • Mila Dobrevska • Jiaming Du • Cosimo Ermini • Miriam Fabietti • Antea Ferraro • Isotta Folli • Chiara Gasbarro • Daniela Iurato • Yining Jia • Media Kashani • Anica Kitanoska • Giovanni Manara • Marianna Massicci • Aleksandra Miteva • Elena Prosperi • Simona Rukuizaite • Marco Scalcione • Lorenzo Scarpellini • Misho Stojanovski • Michela Tabaton-Osbourne • Gina Tamborra • Aleksandar Velichkovski • Silvia Vesco • Alice Voglino • Marica Zanga • Martina Zani • Yuyu Zhao • Dai Zhiwei
Residenze musive
Roberta Cacciatore • Ambra D’Atri
Rebecca Sforzani • Arianna Maestrale (Mixta)



L016143 aggiungi al carrello
Grazia Deledda a Cervia
Voci dal mare e dal vento, 2023
a cura di Marisa Ostolani
fotografie di Michela Mazzoli - Giovanna Sarti
Arte e cataloghi
pp. 120, 46 ill. in bn, ISBN 9788893501330    € 18.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Giorgia Cecchi, Rossana Dedola, Elena Gagliardi, Brunella Garavini, Letizia Magnani,
Cristina Marconi, Elisa Mazzoli, Marisa Ostolani, Sandra Petrignani, Cristina Poni, Manuela Ricci, Annalisa Teodorani, Grazia Verasani e con una poesia di Marino Moretti

Quante cose preziose si scoprono su Grazia Deledda leggendo questo libro. Si scopre prima di tutto la sua relazione tenera, profondissima con Villa Caravella, la casa estiva di Cervia, e poi si scoprono le sue emozioni per i festeggiamenti che la cittadina le tributò proprio dopo quel grande riconoscimento. E il suo rapporto con la natura e con gli amici scrittori, e la stima per lei di quegli amici, da Marino Moretti ad Alfredo Panzini ad Antonio Baldini, e la tenerissima amicizia per alcune donne di Cervia. Sono scritti attenti e affettuosi che rendono viva l’immagine di Deledda, troppo spesso confinata in un ristretto quadro di casalinghitudine letteraria, quasi passasse il tempo fra la scrittura dei suoi romanzi e la cucina di pranzi e cene per la famiglia.



L001184 aggiungi al carrello
"Curiosissimus inquisitor"
Nuovi studi su Benvenuto da Imola, 2023
a cura di Giuseppina Brunetti - Marco Petoletti - Luca Carlo Rossi
Memoria del Tempo n. 84
pp. 300, ill. bn, ISBN 978-88-9350-130-9    € 24.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Giuseppina Brunetti Marco Petoletti Luca CArlo Rossi, Premessa - Paolo Pasquino Fabio Sartorio, Ricordo di Carlo Paolazzi - Filippo Bonifazi, Riccobaldo da Ferrara modello e fonte del Libellus Augustalis di Benvenuto da Imola - Chiara Ceccarelli, Benvenuto e le glosse omeriche di Leonzio Pilato - Nicola Chiarini, Il commento di Benvenuto da Imola alla Pharsalia di Lucano: nuove testimonianze e una proposta per gli autografi di Coluccio Salutati - Umberto Dassi, Boccaccio nel commento di Benvenuto a Val. Max. I - Niccolò Gensini, Ritratti francesi e provenzali nel Comentum alla Commedia di Benvenuto da Imola - Leyla M.G. Livraghi, «Mirabiliter Extollit Homerus». Su alcuni riferimenti omerici nel Comentum di Benvenuto da Imola - Carla Maria Monti, Donato Albanzani e Benvenuto da Imola alla corte estense - Ciro Perna, Benvenuto da Imola lettore delle Chiose sopra la Comedia dell’Amico dell’Ottimo? - Luca Carlo Rossi, Minima Benvenutiana - Valentina Rovere, Giovanni Boccaccio nel commento alla Commedia di Benvenuto da Imola: un magistero in fieri, un’auctoritas in divenire - Giandomenico Tripodi, Dell’intertestualità di Benvenuto auctorista: riutilizzo di materiali glossografici e rinvii esegetici

A sette anni dalla sua fondazione il CeSBI-Centro Studi su Benvenuto da Imola presenta i risultati più avanzati della sua azione di ricerca attorno alla figura del maestro romagnolo, al suo mondo intellettuale, alla sua opera indagata direttamente e attraverso momenti della sua fortuna. Studiosi di diverse generazioni si sono impegnati nel seguire piste finora solo indicate e nell’aprire nuovi itinerari per conoscere e capire meglio l’importante apporto di Benvenuto da Imola alla cultura del suo tempo e delle epoche successive, attivo tanto nelle vesti di commentatore dei classici antichi (Virgilio, Lucano, Valerio Massimo) e moderni (l’amatissimo Dante della Commedia e lo stimato Petrarca del Bucolicum carmen) quanto in quelle di storico del passato remoto e della contemporaneità. Rispetto alle acquisizioni consolidate si profila ora sempre più netto il ruolo che Boccaccio ebbe nell’ampliamento degli orizzonti culturali del magister, costantemente aggiornato sulle principali novità, come la versione latina, con glosse interpretative, di Iliade e Odissea procurata da Leonzio Pilato. Ne esce rafforzato, con l’ausilio di apporti innovativi e di solide acquisizioni, il fascino di Benvenuto, devoto al suo preceptor Boccaccio, allievo piuttosto insofferente di Petrarca, e al tempo stesso uomo di temperamento dantesco.



Novembre 2023   

L070011 aggiungi al carrello
L'esperienza di Dante
Atti del Convegno internazionale di Studi, Bologna-Ravenna 12-13 novembre 2021, 2023
a cura di Giuseppe Ledda
Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali Ravenna n. 10
pp. 352, ISBN 978-88-9350-126-2    € 25.00

Francesca Galli, "E però puote anche la stella parere turbata" (Conv. III ix 14). La percezione visiva fra teoria, vissuto e rappresentazione - Cecilia Panti, "Di là dal modo che 'n terra si vede". Dante, la luce e l'esperienza del vedere, aldiqua e e aldilà del cielo - Juan Varela-Portas de Orduna, Didattica dell'"esperienza piena" - Francesco Santi, L'esperienza mistica come esperienza tattile in Dante, rileggendo il canto XXXIII del Paradiso - Davide Cappi, Dante e le cronache medievali: esperienze di lettura e tracce di memoria collettiva - Paolo Pellegrini, Dante e Riccobaldo da Ferrara. Appunti di lettura (con una nota sulla recente storiografia) - Enrica Zanin, "Tu saprai, per esperienza, quanto quell'arte pesa": Boccaccio e l'esperienza di Dante - Rino Modonutti, Appunti per Giovanni Conversini da Ravenna lettore di Dante - Gaia Tomazzoli, "Giugnere a veder com'io rividi": esperienza, memoria e linguaggio figurato nella Commedia - Paola Ureni, Teoria e pratica della medicina in Dante, qualche esempio - Erminia Ardissino, "E terza e nona". Dante e l'esperienza del pregare - Giuseppe Ledda, "A cui esperienza grazia serba": l'esperienza del lettore nella Commedia - Matthias Burgel, Il Pater, il Credo, l'Ave Maria e i Sacramenti: la Commedia e la formazione religiosa dei laici attraverso i "pastoralia" - Kristina Landa, Sull'esperienza di lettura di Dante nella cultura russa del primo Novecento - Giuseppe Sangirardi, 2021, Dante mondilal-popolare?

In occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri, il decimo convegno internazionale organizzato dalla Sezione Studi e ricerche "Anna Maria Chiavacci Leonardi" del Centro Dantesco di Ravenna, in collaborazione con l'Officina San Francesco di Bologna, è dedicato al tema, complesso e affascinante, dell'esperienza di Dante, nel duplice senso della esperienza di cui Dante è soggetto e della esperienza di lettura del suo poema, Le relazioni qui raccolte esplorano dunque le esperienze biografiche, esistenziali, culturali e spirituali di Dante, ma anche la rappresentazione dei temi dell'esperienza nella sua poesia e diversi aspetti della ricezione delle sue opere nel corso dei secoli.