Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

Il carrello è vuoto.

Clicca su
per aggiungere libri

Il Portico - Sezione: MATERIALI LETTERARI

click per ingrandire L029051 aggiungi al carrello
I figli di Eolo
Il motivo mitico e letterario dell'incesto tra antico e moderno, 2020
a cura di Silvia Quadrelli - Elena Subrani
Il Portico n. 187
pp. 232, ISBN 978-88-9350-061-6    € 24.00

Silvia Quadrelli – Elena Subrani, Introduzione.1. L’incesto nel mondo antico e medievale: Angela Greco, L’incesto nella documentazione cuneiforme mesopotamica - Geraldina Rozzi-Edoardo Zanetti, Se mia madre lo viene a sapere, mi punirà! L’incesto in Babilonia tra III e II millennio a.C. - Silvia Onori, Una sorellastra come promessa sposa: riflessioni su alcuni casi di incesto sfiorato nelle fonti letterarie greche - Maurizio Bettini, L’incesto a Roma (e non solo): un crimen indicibile - Simona Martorana, Haec est Aeolidos fratri scribentis imago: la Canace ovidiana, Augusto e il «dramma» dell’incesto - Martina Farese, Athenis dimidium licet, Alexandriae totum. Il motivo dell’incesto nella produzione satirica romana- Chiara Calzini, Fedra esce di scena - Massimiliano Vassalli, Difendere la propria identità culturale: l’incesto come atto pio nello zoroastrismo - Ugo Carlo Luigi Mondini, Fuor del dritto amore. La rappresentazione dell’incesto in Niceta Coniata- Fabio Mantegazza, Non incestus vitant? Incesto primario ed endogamia nell’Irlanda celto-cristiana. 2. L’incesto nella produzione artistica e letteraria di età moderna e contemporanea: Luigi Di Raimo, La Canace di Sperone Speroni. Appunti su una rilettura di Ovidio e Seneca - Dario Maria Nicolosi, La rinascita teatrale del mito di Tereo nel teatro francese del Settecento: l’incesto come sintomo dell’affermazione controversa della famiglia borghese- Daniela Immacolata Cagnazzo, La Fedra di Euripide: un contro-modello dannunziano - Jessica Dionigi, Georg e Margarethe Trakl: l’incesto e il terzo sesso- Salvatore Renna, La colpa nascosta. Su Outer Dark di Cormac McCarthy - Lorenzo Marchese, «Una coppia di serpenti allacciati». L’incesto nelle Benevole di Littell - Massimo Fusillo, Mito, dramma borghese, romanzo di formazione. Tre film sull’incesto- Igor Baglioni, Considerazioni conclusive. Il motivo letterario dell’incesto tra antropologia, filologia e storia delle religioni

L’incesto è uno dei più grandi tabù culturali della storia dell’uomo, eppure, o forse proprio per questo, è presente come motivo letterario in tutte le culture e le epoche. Viene descritto come crimine, come qualcosa di indicibile, ma allo stesso tempo sembra che nessuna letteratura possa aver fatto a meno di nominarlo e rappresentarlo.
Ma che cos’è l’incesto? In che modo il contesto culturale e la sua evoluzione hanno influito sulla trattazione di una tematica tanto delicata? Le fonti letterarie danno risposte diversificate e talora contrastanti: accettato, almeno per alcuni aspetti, in una cultura e in un’epoca, appare invece esecrabile per i lettori o gli spettatori di un’altra epoca. Ma è possibile rintracciare degli elementi che rappresentano delle costanti e caratterizzano il motivo letterario dell’incesto in epoche e culture diverse?
Le tradizioni mitologiche, le credenze religiose e lo stretto legame tra unioni incestuose e dinamiche politiche hanno contribuito alla creazione di un topos letterario destinato a perdurare nelle letterature di ogni tempo. Un topos per certi aspetti sempre uguale a sé stesso ma, al contempo, che racchiude al suo interno la possibilità di essere declinato in una grande varietà di modi e di punti di vista.
Il volume è il frutto delle riflessioni degli studiosi che hanno preso parte alla Giornata di Studi I Figli di Eolo. Il motivo mitico e letterario dell’incesto nel passaggio tra culture e epoche diverse, che si è svolta presso l’Università degli Studi dell’Aquila nell’ambito del Dipartimento d’Eccellenza per il progetto «Arti, linguaggi, media: tradurre e transcodificare». Il motivo dell’incesto è dunque al centro di un’analisi comparatistica che si incentra sull’adattamento del tema a culture e a esigenze comunicative differenti.