Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

Il carrello è vuoto.

Clicca su
per aggiungere libri

Storia

click per ingrandire L016137 aggiungi al carrello
Ammonite
Storia di una comunità tra acque e terre, 2020
a cura di Andrea Baravelli
Storia
pp. 240, ill. col. e bn, ISBN 978-88-9350-048-7    € 20.00

Andrea Baravelli, Dal particolare il generale, e viceversa. Ammonite, la storia di una comunità tra acqua e terra- Anna Grazia Gulminelli, Paesaggio, cartografia e territorio di Ammonite - Silvia Fanti, Pietro Barberini, Inquadramento del territorio - I due toponimi Lamone e Ammonite - Mauro Mazzotti, Il Lamone a Ravenna e la rotta di Ammonite del 1839- Inserto fotografico a cura di Claudia Foschini e Mauro Mazzotti - Silvia Fanti, La rotta del fiume Lamone ad Ammonite- Andrea Baravelli, Ammonite nel Novecento. Le famiglie delle Ammonite:Paolo Piccinini, 1. 1838: prima della Rotta- 2. 1902: dopo il ritorno del Lamone nel vecchio alveo- Lorenzo Sintini, 3. 1949: soprannomi e patronimici dialettali di famiglie e persone

Perché dedicarsi alla storia di un pugno di case raccolte attorno a una strada, quella che da Mezzano conduce a Santerno? Per quale motivo occuparsi degli avvenimenti di una comunità, in gran parte dispersa tra campi e acquitrini, tanto esigua nei numeri? A prima vista nessuno. Se però ci soffermiamo a guardare con più attenzione, magari salendo sulle spalle dei giganti della storiografia del passato, allora potremmo scoprire che le ragioni di una simile ricerca esistono. E sono complesse e nobili.
Nel suo piccolo la storia di Ammonite può quindi divenire quel che il minuscolo paesino pirenaico di Montaillou ha significato per Emmanuel Le Roi Ladurie: ovvero un microcosmo in grado di offrirci, forse anche più intensamente rispetto alle grandi ricostruzioni d’insieme, il carattere originario di un luogo, l’intensità dei legami umani che lì si sono sviluppati, l’incidenza di lungo periodo di quell’impasto di terra e di acqua che rappresenta la cifra più autentica dell’ampia zona che si estende a settentrione di un’antica e diroccata capitale imperiale.
Fare la storia di Ammonite significa allora interrogarsi sulla storia di uno spazio geografico unico, separato dagli altri per confini e per tradizioni, per dialetto e mentalità, che è tale non solo perché così definito dall’autorità politica, ma in quanto plasmato da un evento catastrofico: la grande rotta del fiume Lamone del 1839.
Attraverso la storia di Ammonite, luogo simbolo di quell’avvenimento, è dunque possibile ricostruire un mondo intero, fortemente contraddistinto dalla volontà e dal lavoro umano.