Sezione CronologiaIL CATALOGO
Motore di ricerca Ricerca Rapida
Motore di ricerca Area Clienti

Carrello

NOVITA

PUOI CONSULTARE ANCHE LE NOVITA' DEI MESI PRECEDENTI

Ottobre 2014   

L029033 aggiungi al carrello
Marucci, Valerio
Per me, Dante
Incontri e riflessioni con alcuni canti della Commedia, 2014
Il Portico n. 168
pp. 144, ISBN 978-88-8063-803-2    € 20.00

I saggi presentati da questo volume, sotto il comune denominatore dantesco, hanno strutture e finalità assai diverse: gli ultimi due, originariamente prefazioni alle edizioni critiche di due importanti commenti danteschi dell’Otto e del Novecento, quelli di Tommaseo e di Torraca, indagano sui modi, gli elementi e i fini con cui gli autori presentano e spiegano Dante al loro pubblico, quel che pensano della Commedia e quel che vogliono far pensare alle masse crescenti dei suoi lettori: tappe decisive della fortuna di Dante negli ultimi due secoli. I primi cinque saggi, quasi tutti affidati alla forma della Lectura Dantis, sono invece il frutto di una ricerca, naturalmente inconclusa, sugli interessi di Dante, razionalista di formazione tomistica e complessivamente rispettoso della interpretazione del mondo fornita dal grande filosofo aquinate, per la formazione, lo sviluppo e il ruolo dei desideri umani, l’influenza della volontà e del piacere, le forme arazionali o prerazionali del conoscere – intuizioni, predizioni, sogni, visioni –, il ruolo insomma della corporeità, della fisicità “naturale” nel prendere decisioni, nel fare le necessarie scelte esistenziali. Se, con la maggior parte dei suoi critici, possiamo tranquillamente affermare che la sua guida, finale e vincente, è sempre la ragione, specie se illuminata dalla Grazia, la poesia della Commedia nasce spesso dalla descrizione della battaglia fra sensi e ragione, fra dovere e volere, e qualche volta dalla scoperta del ruolo attivo, necessario e urgente, che gli elementi più istintivi e immediati dell'essere umano sono costretti a mettere in gioco, quando la guerra fra bene e male si fa più dura e diventa difficile continuare la lotta per l’affermazione della libertà dal peccato, che, rendendo migliore la complessiva umanità del suo personaggio, salverà il pellegrino poeta.



Settembre 2014   

L001143 aggiungi al carrello
da la Riva, Bonvesin
Libro delle Tre Scritture, 2014
a cura di Matteo Leonardi
Memoria del Tempo n. 43
pp. 296, ISBN 978-88-8063-795-0    € 28.00

Bonvesin da la Riva è il più illustre poeta in lingua padana del Duecento. Contemporaneo di Dante, visse a Milano, dove divenne celebre come filantropo e come finanziatore di ospedali cittadini. Aderì all’ordine religioso degli Umiliati e si rivolse all’ammaestramento del popolo, fondando scuole e dedicandosi alla scrittura. Bonvesin fu un autore molto prolifico: scrisse opere in latino e nella propria lingua volgare, cioè nel milanese del Duecento. Il più celebre testo in latino di Bonvesin è senz’altro il De magnalibus urbis Mediolani, una lode delle meraviglie di Milano, ricchissima di dati e di informazioni. Il capolavoro in lingua volgare è invece il Libro delle tre scritture, che appartiene al genere delle “visioni”, cioè delle rappresentazioni letterarie dell’aldilà: una tradizione che annovera numerosi precedenti arabi e mediolatini. La visione dell’inferno e del paradiso di Bonvesin si distingue però da altri analoghi testi medievali per la vivacità delle figure e per la complessa architettura strutturale, che richiama alla mente la Commedia di Dante Alighieri, di poco posteriore. Al posto della raffigurazione del purgatorio Bonvesin preferisce raccontare la passione di Cristo, l’evento cardine della storia dell’umanità, che ha spalancato agli uomini proprio le porte del paradiso. Questa edizione del Libro è per la prima volta corredata da un ampio apparato di note che permettono al lettore di accedere “dentro” al testo, per apprezzare la singolarità della sua lingua, l’originalità dei temi teologici e la ricchezza della fantasia di Bonvesin.



L013143 aggiungi al carrello
Verdi e l'opera italiana nella letteratura e nella cultura europee, 2014
a cura di Giovanna Bellati
Il lettore di provincia n. 143
pp. 164, ill. bn, ISBN 978-88-8063-804-9    € 20.00

Giovanna Bellati, Introduzione. 1. Immagini letterarie: Diego Saglia, «It is time to dress for the Opera»: l’opera italiana nella cultura letteraria britannica dal Settecento all’età vittoriana - Maria Teresa Giaveri, «Et la légion lyrique des femmes adultères...» - Kumush Imanalieva, Riflessioni sulla musica di Giuseppe Verdi nella letteratura autobiografica dei maggiori compositori russi dell’Ottocento - Nicola Ferrari, «Più letto che acqua»: interpretazioni (romanzesche) di Giuseppe Verdi - Patrizia Oppici, Perec e il mondo della lirica - Giovanna Bellati, Le Vent du soir di Jean d’Ormesson: Verdi tra mito e biografia. 2. Riflessi nell’arte, nella stampa e nella cultura popolare: Franco Nasi, Alfabeto musicale di Giuliano Della Casa: un anti-monumento in acquarello per Verdi - Marco Capra, Aspetti della ricezione ottocentesca delle opere di Verdi – Angela Albanese, Aida dint’ ’a casa ’e Donna Tolla Pandola: parodie verdiane al San Carlino di Napoli. 3. Fonti e riferimenti: Gabriella Rovagnati, La metamorfosi di Attila: da Zacharias Werner a Giuseppe Verdi - Marco Cipolloni, “A Spagna gloria! Viva l’Italia”. I notturni ispanici dell’opera italiana, tra esotismo geografico e travestimento storico-politico



L029032 aggiungi al carrello
Mongiat Farina, Caterina
Questione di lingua
L'ideologia del dibattito sull'italiano nel Cinquecento, 2014
Il Portico n. 167
pp. 168, ISBN 978-88-8063-797-4    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Alla luce di riflessioni provenienti da varie discipline – critica letteraria, linguistica, retorica e filosofia del linguaggio – questo volume ripercorre la questione della lingua nel momento fluido del suo inizio, dall’Epistola delle lettere nuovamente aggiunte nella lingua italiana (1524) di Giangiorgio Trissino all’Ercolano di Benedetto Varchi (1570), riflettendo in particolare sulla pressione esercitata sui difensori della norma linguistica dai sostenitori dell’uso e di un approccio descrittivo piuttosto che prescrittivo alla grammatica. Senza necessariamente mettere in dubbio la triplice armonia di mondo, pensiero e linguaggio, i moderni si accorgono infatti che essa non descrive lo specifico e ormai irrinunciabile contributo del volgare alla loro esperienza nel mondo. Dalle affascinanti teorie linguistiche del Cinquecento emerge così la visione condivisa che affermare, mettere in discussione e cambiare se stessi e le conoscenze, i valori e le tradizioni della propria comunità è una questione di lingua.



L021083 aggiungi al carrello
Marco Bravura - Marco De Luca - Verdiano Marzi

Retrospettiva 1965-2014, 2014
a cura di Anna Mapolis
Arte e cataloghi
pp. 156, ill. colore, ISBN 978-88-8063-806-3    € 30.00


L008057 aggiungi al carrello
Puoti, Alberto
Confessioni di una mente pericolosa: Dante Alighieri
Indagine in forma di spettacolo, 2014
Studi danteschi
pp. 48, ill. bn, ISBN 978-88-8063-809-4    € 10.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

La vita di Dante Alighieri è un tema tanto affascinante quanto relativamente poco conosciuto. Poco conosciuto dagli storici, messi in difficoltà dalla scarsità di documenti. Poco conosciuto dai letterati, concentrati sulla bellezza e sulla complessità delle opere. Poco conosciuto dal grande pubblico, ingannato dalle sovrapposizioni tra Dante personaggio e Dante autore. Alberto Puoti, autore e regista televisivo, ha viaggiato per luoghi danteschi e ha intervistato studiosi di molteplici discipline per servizi, reportage e documentari. Ne sono nate queste Confessioni di una mente pericolosa: Dante Alighieri che sono andate in scena per il festival ravennate Dante2021. L’indagine in forma di spettacolo, pur densa di attenti riferimenti testuali e critici sull’autore della Divina Commedia, risulta anche un leggero volo di fantasia sorprendente per le originali prospettive.



L040043 aggiungi al carrello
L'Alighieri 43
Rassegna dantesca, 2014
a cura di Saverio Bellomo - Stefano Carrai - Giuseppe Ledda
L'Alighieri n. 43
pp. 180, ISBN 978-88-8063-790-5    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


SAGGI: Nicolò Mineo, Paradiso XXV, 1-3: i «molt’anni» della composizione del «poema sacro» - Elena Lombardi, Francesca lettrice di romanzi e il «punto» di Inferno V - Nicolò Maldina, Dante e l’immagine del buon predicatore nel Paradiso - Jason M. Baxter, Through the Eyes of Landino: Dante, Natura, and the Poetics of Varietas. LECTURAE DANTIS: Saverio Bellomo, Lucifero e la cosmogonia poetica di Dante: lettura di Inferno XXXIV. NOTE: Federico Sanguineti, “Novissime prospettive” dantesche - Elisa Maraldi, «Ragionare di sé» (Conv. I.ii, 14) nella Commedia: alcune note autobiografico-astrologiche - Luca Lombardo, Guido da Pisa e la Consolatio Philosophiae. RECENSIONI



L008055 aggiungi al carrello
Letture Classensi 42
Fra biografia ed esegesi: crocevia danteschi in Boccaccio e dintorni, 2014
Letture Classensi n. 42
pp. 160, ISBN 978-88-8063-802-5    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Emilio Pasquini, Appunti su Dante biografo di se stesso - Alfredo Cottignoli, Echi del Boccaccio biografo ed esegeta di Dante in Benvenuto da Imola - Giuseppe Ledda, Biografia, poesia e allegoria nel Trattatello in laude di Dante di Giovanni Boccaccio - Johannes Bartuschat, Leonardo Bruni biografo di Dante - Stefano Carrai, La Vita nova nel Trattatello in laude di Dante, Pantaleo Palmieri, Paolo Costa e la Vita di Dante. 692° Annuale della Morte di Dante: Alberto Casadei, Il Paradiso a Ravenna



Agosto 2014   

L008056 aggiungi al carrello
Le conversazioni di Dante2021 vol. 3, 2014
a cura di Domenico De Martino
Studi danteschi
pp. 112, 17 ill. col., ISBN 978-88-8063-801-8    € 14.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


Domenico De Martino, Nuove conversazioni - Dante per me: Alberto Puoti intervista Cristina Acidini, Alfio Longo, Claudio Marazzini, Winfried Wehle - Lingua italiana per oggi e per domani con Enrico Gatta, Nicoletta Maraschio, Antonio Patuelli, Luigi Federico Signorini, Paolo Attivissimo, Massimo Bernardini, Francesco Sabatini - Antonio Paolucci, Dante Alighieri e l’arte del suo tempo - Claudia Villa, Ser Brunetto: peccare contro il corpo (sociale)

Sono qui raccolti gli interventi che, nell’ambito della terza edizione di Dante2021 valenti studiosi italiani e stranieri, come Antonio Paolucci, Claudia Villa, il presidente della Società Dantesca tedesca, hanno dedicato a importanti temi danteschi.
Il volume affronta, tra le altre questioni, un tema cruciale: “Lingua italiana per oggi e per domani”, ossia come si sta trasformando la lingua che Dante ci ha consegnato e che, nel corso dei secoli, si è via via modificata e arricchita, pur conservando il segno originale.



L063702 aggiungi al carrello
Pescerelli Lagorio, Paola
Casa Museo Raffaele Bendandi di Faenza
Guida, 2014
Collana del Sistema Museale della Provincia di Ravenna n. 35
pp. 80, ill. col e bn, ISBN 978-88-8063-798-1    € 15.00

Nel centro di Faenza sorge la casa in cui visse e studiò il sismologo autodidatta Raffaele Bendandi (1893-1979), che qui aveva allestito un Osservatorio artigianale con strumentazioni per la segnalazione di movimenti tellurici, ancora oggi funzionanti. Fu trasformata in Casa Museo alla sua morte; qui una serie di volumi, articoli, documenti, oggetti personali, fotografie e cimeli vari testimoniano la vita e l'attività di Bendandi. Il volume mostra come la Casa Museo sia un luogo speciale, che conserva le tracce di chi l'ha abitato, della cultura e della società dell'epoca. Un luogo che é anche Casa della Memoria perché racconta storie personali e sociali con un linguaggio quotidiano e perché fortemente radicato nella città, una Casa che diventa una cerniera tra il personaggio che ancora la permea e il mondo esterno.



Luglio 2014   

L001302 aggiungi al carrello
Lectura Dantis Lupiensis vol. 2 - 2013
, 2014
a cura di Valerio Marucci - Valter Leonardo Puccetti
Studi danteschi n. 2
pp. 176, ISBN 978-88-8063-794-3    € 20.00

Introduzione - Francesco Somaini, Dante e il quadro politico italiano: lettura di Purgatorio VI - Giaime Rodano, La politica della Chiesa al tempo di Dante - Marcello Ciccuto, Cortesia e dismisura: i compagni avversi di Brunetto Latini (Inferno XVI) - Rosario Coluccia, Lettura di Purgatorio XV - Francesco Tateo, Fato e fortuna in Dante: un percorso didattico nella Commedia

Con approcci diversi, ma con una comune capacità di riflettere a fondo sulle tematiche affrontate e di spiegare con chiara proprietà gli argomenti più complessi, cinque studiosi hanno fornito contributi rilevanti e pluriprospettici per la seconda edizione della lettura dantesca Lupiensis, una delle più vivaci nel panorama nazionale, una delle più aperte all’apporto multidisciplinare nello studio del più grande scrittore della nostra tradizione.



L001142 aggiungi al carrello
Coderey Rezzonico, Nicole
Il mosaico di Giulietta e Romeo
Da Boccaccio a Bandello, 2014
Memoria del Tempo n. 42
pp. 376, ISBN 978-88-8063-789-9    € 30.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

La più celebre storia d’amore che sia mai stata raccontata nasce nel terzo decennio del Cinquecento dalla penna del vicentino Luigi Da Porto. Disegnata sul canovaccio del mito di Piramo e Tisbe, la vicenda di Giulietta e Romeo accoglie, come un mosaico, tessere provenienti dalla cultura orientale, classica e romanza. Attraverso questi tasselli − temi, motivi narrativi e personaggi −, il libro indaga le fonti e gli antecedenti della Hystoria novellamente ritrovata di due nobili amanti daportiana e della sua riscrittura da parte di Matteo Bandello, giungendo a delineare una morfologia della novella d’amore a infelice fine.
Da Boccaccio a Bandello, passando da Sermini, Sercambi, Masuccio Salernitano, Sabadino degli Arienti, Da Porto e alcuni anonimi, la diversa combinazione dei tasselli crea mosaici sempre nuovi, caratterizzati da effetti cromatici e illustrativi del tutto differenti, fra i quali però è possibile scorgere una rete di continuità narrativa. Dai contorni del disegno del mito di Piramo e Tisbe, grazie a Boccaccio e ai suoi epigoni, nasce un altro amore destinato a farsi mito: quello di Giulietta e del suo Romeo.



Giugno 2014   

L063701 aggiungi al carrello
Masetti, Giuseppe
Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo, 2014
Volumi distribuiti da Longo Editore n. 34
pp. 80, ill. col., ISBN 9788880637936    € 15.00


L'Ecomuseo detiene una delle principali raccolte nazionali di manufatti in fibre naturali di origine paludosa. In particolare espone prodotti datati tra il 1850 e il 1970, anni in cui questa originale forma di artigianato locale conobbe la più ampia diffusione sui mercati, anche esteri, e coinvolse tutta Villanova, specialmente le donne, che raggiunsero così una rilevanza economica e sociale d'avanguardia. Ai reperti esposti si affianca una rappresentazione della storia idraulica locale, del ciclo di raccolta e trattamento delle erbe e un parco circostante con le ricostruzioni dei tipici capanni romagnoli in canna palustre.



L013142 aggiungi al carrello
Diari italiani del Novecento, 2014
a cura di Antonio Castronuovo
Il lettore di provincia n. 142
pp. 168, ISBN 978-88-8063-800-1    € 20.00

A. Castronuovo, Premessa – G.M. Ghioni, «Confidarmi non è il mio forte». I diari di Corrado Alvaro – F. Gábici, La Guerra di Giuseppe Berto – M. Veronesi, «Mallarmé, questa riva». Carlo Bo e il diario del tempo assoluto – A. Pagani, L’epifania di Buzzati in Quel preciso momento – M. Panetta, “Esercizi spirituali” di un critico. I Taccuini di Emilio Cecchi – P. Albani, Antonio Delfini, diarista per passare il tempo – M. Sangiorgi, Una sedia vuota. Libero De Libero scontroso cronista del proprio tempo – S. Calderoni, I diari di Andrea Emo: una domanda aperta sul mondo negativo – S. Ricci, «Con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole». Una lettura del Diario degli errori di Flaiano – N. Novello, L’essere e l’idea. Felicità di Gadda in guerra – P. Mioli, Bacchetta e calamaio: Gianandrea Gavazzeni musicista e diarista – R. De Santis, L’umorismo nei diari di prigionia di G. Guareschi – S. Abis, Scrivere per morire: i diari di Tommaso Landolfi – M. Lando, Luigi Meneghello: dal Dispatrio inglese a Le CarteM. Lando, La guerra del ’15 nel Diario sentimentale di Alfredo Panzini – D. Marcheschi, Giuseppe Pontiggia in Prima persona – G. Sergio, I diari di Antonia Pozzi – D. Rüesch, «Il diarismo è una malattia nervosa?». L’io di Prezzolini dalle Bruschette Ticinesi al Diario Di New YorkM. Sannelli, Il Diario Ottuso di Amelia Rosselli. Una introduzione incongrua – A. Castronuovo, Sui diari di Bino Sanminiatelli – A. Castronuovo, Mario Soldati diarista con personaggi – G. Mordenti, Pensare tra i monti. Sul Diario di Anacleto Verrecchia – P. Paone, Dialogo in pubblico con Elio Vittorini



Maggio 2014   

L021082 aggiungi al carrello
Il Gran Palazzo di Ravenna
Il restauro di Palazzo Rasponi dalle Teste, 2014
a cura di Pier Luigi Cervellati
Arte e cataloghi
pp. 160, 320 ill. col., ISBN 978-88-8063-796-7    € 25.00


L017047 aggiungi al carrello
Ercolani, Libero
Gli animali nella superstizione e nel folklore di Romagna, 2014
a cura di Andrea Mengozzi - Roberto Papetti
Uomo e natura
pp. 192, ill. bn, ISBN 978-88-8063-792-9    € 18.00

Questo volume è stato pubblicato la prima volta cinquanta anni fa. Ancora oggi, a tanti anni di distanza, la sua ricchezza di informazioni e la sua documentata conoscenza delle tradizioni romagnole costituiscono un solido riferimento per gli studiosi della disciplina e per chi si avvicina ai temi della cultura della nostra terra.
Consapevoli del valore rappresentato dal libro di Libero Ercolani abbiamo tentato di farlo rivivere, attualizzarlo, renderlo fruibile ai ragazzi di oggi.



Aprile 2014   

L017046 aggiungi al carrello
Alessandrini, Alessandro - Pellizzari, Mauro - Piccoli, Filippo
Flora del Ferrarese, 2014
Uomo e natura
pp. 320, ISBN 978-88-8063-781-3    € 40.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Da oltre un secolo non veniva pubblicato un catalogo della flora del Ferrarese. Risale infatti al 1909 il Contributo alla flora vascolare della Provincia di Ferrara di Pietro Revedin.
Da quel tempo ormai molto lontano molte cose sono avvenute e i cambiamenti hanno influito anche sulla flora che – sapendola leggere ed interpretare – è un fedele indicatore dello stato del territorio e delle sue modificazioni.
La Flora del Ferrarese di Filippo Piccoli, Mauro Pellizzari e Alessandro Alessandrini (con la collaborazione di Lisa Brancaleoni, Giampaolo Balboni e Nicola Merloni) è frutto di un progetto pluridecennale ed è risultato di esplorazioni sistematiche e quanto più accurate possibile del territorio. Sono stati analizzati sia i lembi di maggiore e più noto valore naturalistico, come il Delta del Po (il Gran Bosco della Mesola, le zone umide salmastre, le dune costiere), le Dune di Massenzatica, la Foresta Panfilia, Campotto e Valle Santa. Ma sono stati esplorati anche luoghi meno importanti, in quanto più modificati, ma ricchi di specie diverse e per gran parte di origine esotica: le aree urbane, i canali, i campi, le aree industriali dismesse, le aree ferroviarie.
Confluiscono qui anche i dati raccolti dai predecessori, a partire dai botanici ottocenteschi, esponenti della Scuola Botanica Ferrarese che tanto lustro ha dato alla città. Le loro opere a stampa, ma anche i campioni essiccati oggi conservati nell’Erbario ferrarese sono stati analizzati e archiviati.
è stata così trovata testimonianza della presenza, storica e attuale, di oltre 1300 entità sistematiche diverse. Un numero considerevole che ha stupito gli stessi autori di questa opera.
Tra queste un numero significativo è oggi scomparso; soprattutto si tratta di piante di ambienti umidi, ma anche commensali di colture. Molte piante sono state rinvenute per la prima volta e se ne dà notizia proprio in questa sede.
L’analisi delle modificazioni della flora permette di trarre alcune conferme del considerevole aumento della pressione dell’uomo sull’ambiente, che viene testimoniato dall’impoverimento della flora originaria e dal forte incremento della flora esotica, ma anche di quella genericamente ruderale.
Sono fenomeni generali che anche nel Ferrarese si esprimono con evidenza.
La Flora del Ferrarese non è una guida al riconoscimento; tuttavia un significativo apparato fotografico permette di farsi un’idea di alcune delle piante trattate e anche della loro rasserenante bellezza.



L001141 aggiungi al carrello
Indizio, Giuseppe
Problemi di biografia dantesca, 2014
premessa di Marco Santagata
Memoria del Tempo n. 41
pp. 548, ISBN 978-88-8063-779-0    € 35.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division

Il volume raccoglie quindici anni di contributi dedicati dall’autore alla biografia di Dante, per l’occasione rivisti ed aggiornati. In controtendenza rispetto agli ultimi decenni di studi, l’autore ha ripreso l’esplorazione di tutto quanto sia sopravvissuto fino a noi, nella convinzione che un’adeguata conoscenza della vita e dei tempi del poeta sia una chiave indispensabile per comprenderne l’opera (la Commedia come le altre cosiddette minori). Interrogando gli antichi documenti e cronache, le poche testimonianze di contemporanei che conobbero Dante e la sua opera, e naturalmente passando al pettine stretto i testi del grande poeta fiorentino, è oggi finalmente possibile esporre in modo chiaro e ordinato quanto ci sia effettivamente noto sul massimo titolare delle nostre lettere.
Il volume, in ossequio ad un’impostazione di tipo storico, che dia conto dei problemi aperti ma senza digressioni intellettualistiche, si divide in 4 parti: la prima è dedicata ai più antichi membri della famiglia Alighieri, ai familiari più prossimi del poeta, alle tappe dell’esilio, ad alcuni incontri celebri, concludendosi con un’ampia rassegna di quanto i più antichi biografi ci abbiano tramandato sulla vita di Dante. Nella seconda si tratta della cronologia delle opere, sia il poema sacro che alcune fondamentali opere minori. Nella terza si prende in esame un ampio novero di fonti minori sulla vita di Dante, da quelle tradizionalmente più controverse fino ai figli del poeta ed ai sodali degli ultimi anni. Chiude il volume la lettura di uno dei canti più suggestivi del Purgatorio.



L016121 aggiungi al carrello
1512 La battaglia di Ravenna, l'Italia, l'Europa, 2014
a cura di Dante Bolognesi
Storia
pp. 376, ill. col. e bn, ISBN 978-88-8063-783-7    € 28.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


I. Le guerre d’Italia: lo scenario internazionale: Angela De Benedictis, Le guerre d’Italia: avvenimenti e interpretazione degli avvenimenti nella storiografia recente - Jean Marie Le Gall, Ravenna: una disfatta senza vittoria. Riflessioni sull’esito delle battaglie durante le guerre d’Italia - Lucio Biasiori, «I grandi spaventi, le subite fughe e le miracolose perdite». Le guerre d’Italia vis(su)te da Machiavelli-Giovanni Ricci, Lezione di geopolitica. Ludovico il Moro spiega a Bayezid II la politica italiana di Luigi XII.II. La battaglia di Ravenna nelle guerre d’Italia: Christine Shaw, La battaglia e il sacco di Ravenna- Alessandro Bazzocchi, Servizio militare e controllo del territorio. La milizia romagnola nell’età delle guerre d’Italia - Jonathan Dumont, Alain Marchandisse, Esiti funesti della vittoria di Ravenna. La morte e i funerali di Gaston de Foix, duca di Nemours- Noemi Rubello, «Il cardinale prigione». Giovanni de’ Medici da Ravenna a Bologna- Massimo Rospocher, Il papa in guerra: Giulio II nell’iconografia politica al tempo di Ravenna. III. La battaglia di Ravenna e le sue rappresentazioni. Sabatina Matarrese, Tra cantari e poema ariostesco: «la gran vittoria… / di ch’aver sempre lacrimose ciglia / Ravenna debbe»-Joana Barreto, La battaglia di Ravenna nelle arti del Cinquecento. Modelli epici per la figurazione di una battaglia contemporanea- Chiara Santini, I luoghi della battaglia. Tra rappresentazione cartografica e immaginario di viaggio - Ottavia Niccoli, Voci, scritture, stampe per la battaglia di Ravenna- Laurent Vissière, Lettere scritte, lettere stampate della campagna di Gaston de Foix (1511-1512). IV. Ravenna dopo la battaglia: Cesarina Casanova, La riorganizzazione del potere urbano: le fazioni e le famiglie- Carla Giovannini, La battaglia, la forma della città, le sue rappresentazioni- Maria Giuseppina Muzzarelli, Per il «sollievo ai poveri oppressi crudelmente»: il Monte di pietà di Ravenna nei suoi primi decenni di vita-Dante Bolognesi, «Dopo il crudel fatto d’arme et sacco di Ravenna». Popolazione e risorse nel Cinquecento ravennate- Angelo Turchini, La battaglia di Ravenna fra storia e memoria- Serena Simoni, Un monumento per due paci. Storia, arte e committenza della “colonna dei Francesi”

La battaglia di Ravenna, combattuta l’11 aprile 1512, domenica di Pasqua, ha rappresentato un evento cruciale nelle guerre d’Italia che dalla fine del Quattrocento sconvolsero per molti decenni il Paese. Un evento cruciale in primo luogo sul piano militare, con l’impiego innovatore delle artiglierie e lo sterminio mai visto di migliaia di combattenti di entrambe le parti. Ma non solo. La morte di Gaston de Foix, l’incertezza dell’esito reale dello scontro e il rimescolamento delle alleanze e delle strategie delle potenze europee sullo scenario italiano segnarono una nuova fase della lotta per la supremazia nella Penisola e l’egemonia politica, economica, culturale in Europa.
Il volume, che raccoglie gli atti del convegno promosso nel V centenario della battaglia, ha inteso ricostruire la geografia dei poteri, il contesto economico, la dimensione socio-culturale in cui si collocò quell’evento e indagarne le conseguenze e le rappresentazioni mentali, anche di lungo periodo, che ha lasciato nella storia e nell’immagine del Paese e di Ravenna.



L029031 aggiungi al carrello
The Renaissance from an Italian Perspective
An Anthology of Essays 1860-1968, 2014
a cura di Rocco Rubini
Il Portico n. 166
pp. 256, ISBN 978-88-8063-786-8    € 20.00

E' possibile scaricare questo volume in versione PDF, a pagamento,
tramite Casalini Libri Digital Division


(Re-) Experiencing the Renaissance, Rocco Rubini -The Character and Development of Italian Philosophy from the Sixteenth Century until Our Time, Bertrando Spaventa - Italian Philosophy in Relation to European Philosophy, Bertrando Spaventa - The Man of Guicciardini, Francesco De Sanctis - Petrarch’s Philosophy, Francesco Fiorentino - The Character of the Renaissance, Giovanni Gentile - The Italian Crisis of the 1500s and the Link between the Renaissance and the Risorgimento, Benedetto Croce - The Beginning of Modern Thought: On the Passion and Experience of the Primordial, Ernesto Grassi - Humanism and Civic Life, Eugenio Garin - The Value of Humanism, Delio Cantimori - Which ‘Humanism’? (Historical Digressions), Eugenio Garin - Epilogue Renaissance and Risorgimento: The Moral Question, Carlo Dionisotti